Latest Posts

La Storia Della Marijuana In 4 Minuti E 20 Secondi

La canapa (Cannabis sativa L. ) è una pianta millenaria, largamente impiegata nei secoli passati per la produzione di: cordami, vele, oli, carta, medicinali ed alimenti. Dato che l’odore di marijuana appena fumata è molto forte ed riconoscibile, perché ha un suo particolare aroma il quale non assomiglia nessun diverso, arieggiare una stanza, posteriormente che si è fumato al suo interno, è qualcosa di fondamentale ed se non è probabile farlo la puzza resterà per ore restando riconoscibile anche dopo ore successo distanza.

Appropriata acqua è disponibile nei mesi caldi, meglio dicono che sia per le piante, eppure a volte per disturbi di “sicurezza” (anche nei posti dove è riconosciuto coltivare canapa, questa potrebbe essere sempre una “tentazione”), è preferibile non entrare dentro le nostre minipiantagioni esageratamente di frequente.

Esistono anche una grande quantità di prodotti chimici di sintesi, ma siccome questi ultimi possono essere tossici per il terreno (e anche per chi consuma i prodotti cresciuti chimicamente) e alterare il gusto e l’aroma dei fiori, è molto meglio usare solo prodotti organici minerali (esistono in commercio diversi composti minerali per orticoltura che possono essere di valido aiuto con le fasi critiche dello sviluppo, insieme an una concimazione fondamentale organica).

A esaminare il quadro nel suo complesso, quello che si coglie è che per la prima volta in Italia lo stato produce un prodotto a questione di cannabis che ha il potenziale per proteggere molte persone, facendolo onorare meno rispetto a quello comprato all’estero.

Nell’immediato futuro la ricerca nel presente settore, forte dell’introduzione vittoria tecniche neurofisiologiche d’avanguardia, si orienterà verso lo esposizione della percezione olfattiva nel corso di l’attacco emicranico in bellezza in assenza di osmofobia, per capire quali centri nervosi vengono attivati con la stimolazione di particolari sostanze e odori.

Capii che non occorre disprezzare insultare chi emanan un cattivo odore; ove di sudore, può darsi che pur lavandosi, sian una persona che si rompe la schiena verso lavorare e va perfino maggiormente rispettato; se vittoria altro genere, può darsi che ci siano disturbi igienici, sociali, culturali, psicologici semplicemente alimentari e costituzionali; e che esiste anche l’odore della povertà e quello dell’ignoranza e della ricchezza e dell’arroganza, della malvagità così come quello della felicità, dell’amore fisico e della santità e tanti altri odori, cattivissimi e non, che bisogna imparare a “fiutare” conoscere, comprendere, accettare, per sostituirli tutti con un “profumo” percettivo interiore che non sia ostile alla coscienza propria e altrui.

Il sostegno e la promozione riguardano la coltura della canapa finalizzata “alla coltivazione e alla trasformazione; all’incentivazione dell’impiego e del consumo finale di semilavorati di canapa provenienti da filiere prioritariamente locali; allo sviluppo di filiere territoriali integrate che valorizzino i risultati della ricerca e perseguano l’integrazione locale e la reale sostenibilità economica e ambientale; alla creazione di alimenti, cosmetici, materie prime biodegradabili e semilavorati innovativi per le industrie di diversi settori; alla realizzazione di opere successo bioingegneria, bonifica dei terreni, attività didattiche e successo ricerca”.

Nonostante l’interesse palesato dall’Associazione Medica Americana e da un certo quantitativo di compagnie farmaceutiche, come la Ely Lilly e la Parke-Davis, e senza prendere in alcun maniera in considerazione le numerose industrie di fibra successo canapa, come la Ford Corporation, né tantomeno nel modo gna diverse migliaia di contadini americani, il governo degli Stati Uniti mise al bando la Cannabis e tutti i suoi probabili impieghi.

Meno pericoloso dell’oppio, ma abbondantemente adottato come bevanda inebriante fu il vino, considerato dai filosofi la sostanza il quale «trionfa sull’oscurità della memoria, portando a galla il genius, ossia l’anima il quale apre le porte ancora oggi sapienza» Renda E., Droga.

«Tenendo conto delle sue potenzialità produttive, – spiega Liviano- la Regione Puglia, attraverso la seguente decisione di legge regionale, ha la volontò piante autofiorenti di promuovere e realizzare la filiera agro-industriale per consentire l’avvio della produzione ed dello sviluppo della canapa industriale».